Stazioni refrigeranti Fisse e Mobili per contenere i vaccini anti COVID19

Stazioni refrigeranti Fisse e Mobili per contenere i vaccini anti COVID19

Categoria
Il Gruppo MECOTEC sta ampliando la sua gamma di prodotti adatti al congelamento dei vaccini anti COVID19 a temperature fino a -80 ° C / -112 ° F proponendo soluzioni sia per il trasporto che per la conservazione stanziale.

Il Gruppo MECOTEC sta ampliando la sua gamma di prodotti adatti al congelamento dei vaccini anti COVID19 a temperature fino a -80 ° C / -112 ° F proponendo soluzioni sia per il trasporto che per la conservazione stanziale.

  • L’unità di stoccaggio fissa offre spazio per oltre due milioni di dosi di vaccino
  • L’unità mobile con una capacità totale di oltre 700.000 dosi di vaccinazione

Sia le procedure di approvazione che la logistica sono in piena fase di preparazione in modo che la somministrazione dei vaccini possa iniziare immediatamente dopo la loro produzione.

Ad oggi, i vaccini Pfizer e BioNTech devono essere trasportati e conservati a temperature fino a -80 ° C / -112 ° F per garantirne la loro efficacia.  Poche settimane fa, la MECOTEC GmbH, con un comunicato stampa emesso il 9 novembre 2020,  ha annunciato che l’azienda aveva sviluppato un “container refrigerante mobile” per il congelamento ed il trasporto dei vaccini contro il COVID19 a temperature di -80 ° C / -112 ° F “ I prodotti presentati hanno riscosso grande interesse, soprattutto all’estero, dove sono già stati stipulati i primi contratti. La soluzione relativa ai container fissi, presentata oggi, rappresenta  un ulteriore sviluppo del progetto già in essere di container refrigerante mobile presentato nella comunicazione stampa.

Nelle ultime settimane ci sono state numerore trattative molto avanzate con numerose società di logistica  con una massiccia richiesta di unità refrigeranti fisse per lo stoccaggio dei vaccini, così afferma Enrico Klauer, amministratore delegato di MECOTEC GmbH.

Siamo lieti di poter offrire soluzioni flessibili – basate sulla nostra  ventennale esperienza di produttori nel campo del “deep cooling industrial” – che riescono a soddisfare  l’intera catena logistica, dal congelamento del vaccino, subito dopo la sua produzione, allo stoccaggio presso I centri di distribuzione.  Con la tecnologia  che abbiamo sviluppato sui container refrigeranti è possibile conservare oltre due milioni di dosi di vaccino a temperature costanti fino a -80 ° C / -112 ° F. Non è necessario l’uso di ghiaccio secco o l’aggiunta di altre soluzioni raffreddanti.  È anche possibile un’espansione modulare della capacità di stoccaggio “, afferma Jan Hüneburg, amministratore delegato della divisione industriale COOLANT del gruppo MECOTEC. L’unità di stoccaggio fissa può essere installata ovunque il vaccino debba essere conservato per un’ulteriore distribuzione, come, ad esempio, in un padiglione fieristico.

L’unità di refrigerazione pronta per il funzionamento è contenuta in un “armadio tecnico” che può essere installato esternamente e collegato alla cella frigorifera tramite tubi (vedi Fig.1). La cella frigorifera può essere allestita anche all’esterno di un capannone purche abbia un tetto di protezione.

.

mecotec_abb2

Cella frigorifera stazionaria con contenitore per macchine frigorifere (a destra)

Figura 2

Cella frigorifera mobile con contenitore per macchine frigorifere (a destra)

La Figura 1 mostra la sezione interna di una cella frigorifera fissa che ha la capacità di contenere  oltre 2 milioni di dosi di vaccino, a seconda del tipo di confezionamento utilizzato. L’alimentazione elettrica è di 400V. Nell’area di lavoro, per gli addetti al magazzino, la temperatura è di -20 ° C / -4 ° F, per cui è possibile lavorare, secondo le norme vigenti, con gli indumenti protettivi contro il freddo previsti dalla legge.

Il vaccino è conservato in piccoli contenitori e custodito in appositi alloggi nella confezione di origine. Questa soluzione è particolarmente indicata per tutti quei  luoghi in cui è necessario conservare grandi quantità di vaccino, come aeroporti e grandi centri di distribuzione.

Per quanto riguarda la soluzione mobile, la cui struttura è mostrata nella Figura 2, valgono le stesse temperature e condizioni dell’unità fissa.  Può essere allestito sulla base di un container standard ISO da 10 “o 20”  sia all’interno che all’esterno.  Anche con questa soluzione la cella frigorifera viene alimentata tramite un sistema di raffrescamento nell’area esterna. La capacità utilizzabile qui è leggermente inferiore a quella dell’unità di stoccaggio fissa ed è di oltre 700.000 dosi di vaccino per unità mobile.

“Siamo felici di poter dare un contributo concreto alla lotta contro  il COVID-19 con le nostre tecnologie criogeniche in collaborazione  e con il sostegno dei nostril partner. Solo lavorando insieme possiamo raggiungere gli obiettivi prefissati molto più velocemente”, riassume Enrico Klauer.